Unlimited Italia

danza danzabilità disabilità danzabile

Dal 2015 una rete nazionale che racchiude nel suo manifesto d'intenti:

  1. Proporre l'inclusione di artisti e persone interessate abili e con disabilità che lavorano insieme e hanno accesso alle stesse opportunità;
  2. Supportare azioni che impattino sul sistema culturale e sui soggetti che si occupano di arte e creatività cooperando a livello nazionale;
  3. Stimolare una discussione sull'accesso alla formazione per persone con disabilità che aspirano alla professione;
  4. Creare opportunità di sviluppo ed educazione del pubblico attraverso processi strutturati e condivisi sottolineando il valore artistico dei lavori inclusivi;
  5. Promuovere e comunicare il creative case della diversità introducendo percorsi estetici altri/ Promuovere uno sguardo altro sui percorsi estetici;
  6. Produrre figure di riferimento per il pubblico disabile e per i giovani artisti, dove prima non erano rappresentati a livello professionale;
  7. Sollecitare lo sbarrieramento di tutti gli spazi di spettacolo, dalla platea al palco, dalle sale regia ai camerini, ai bagni

I partner che hanno aderito e facilitato la creazione della rete sono: 
Incontri Internazionali di Rovereto / Rovereto (TN),Ottavo Giorno - Marina Giacometti / Padova (PD), Il Cortile - Laura Banfi / Rho, Balletto Civile - Michela Lucenti / La Spezia, Sosta Palmizi - Giorgio Rossi / Camucia di Cortona (AR), Diversamente in Danza - Giorgia Panetto / Lugagnano di Sona (VR), Clochart - Michele Comite / Rovereto (TN), Centro Sperimentale Danza Teatro - Domenico Santonicola / Treviso, MUVet - Gaia Germanà e Silvia Berti, Aristide Rontini / Imola (BO), Pierluigi Zonzin / Schio (VI), Piera Principe / Bergamo.

EN

Born in 2015, the manifesto of Unlimited Italy is:

  1. Promoting the inclusion of interested artists and people with and without disabilities working together, and the access to equal opportunities
  2. Supporting activities which could have an impact on the cultural system and influencing those working in the art field, promoting international cooperation
  3. Encouraging discussion about the access to training for disable people
  4. Creating opportunities to educate the public through structured processes, highlighting the artistic value of inclusive work
  5. Promoting and communicating the creative case of diversity, introducing different aesthetic courses and promoting the focus on other aesthetic courses
  6. Creating reference points and figures for public with disabilities and for young artists, whereas they were not represented before
  7. Encouraging the opening of every artistic space, from the audience to the stage, from the directing room to the fitting rooms, even to the bathrooms

The partners helping the creation of the network are:

Incontri Internazionali di Rovereto / Rovereto (TN),Ottavo Giorno - Marina Giacometti / Padova (PD), Il Cortile - Laura Banfi / Rho, Balletto Civile - Michela Lucenti / La Spezia, Sosta Palmizi - Giorgio Rossi / Camucia di Cortona (AR), Diversamente in Danza - Giorgia Panetto / Lugagnano di Sona (VR), Clochart - Michele Comite / Rovereto (TN), Centro Sperimentale Danza Teatro - Domenico Santonicola / Treviso, MUVet - Gaia Germanà e Silvia Berti, Aristide Rontini / Imola (BO), Pierluigi Zonzin / Schio (VI), Piera Principe / Bergamo.

aaa